testi Mediterraneo

Avvertenza!
Legge 633/41 art. 70 comma 1:  "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera, per scopi di critica, di discussione ed anche di insegnamento,
sono liberi nei limiti giustificati da tali finalit e purch non costituiscano concorrenza alla utilizzazione economica dell'opera."
In altre parole: i testi delle canzoni che trovate su questo sito possono essere utilizzati solo ed esclusivamente per  uso personale o di discussione.

Creuza de m
Via del Campo
Don Raffa
Sidun
Monti di Mola
Parlando del naufragio della London Valour
Rimini
A Dumenega
Da a me riva
Zirichiltaggia

CREUZA DE M
(Mulattiera di mare/
stradina che delimita due propriet )

Umbre de muri muri de main
dunde ne vegn duve l' ch'an
        Ombre di facce facce di marinai
        da dove venite dov' che andate

da 'n scitu duve a l'n-a a se mustra na
e a neutte a n' puntou u cutellu gua
        da un posto dove la luna si mostra nuda
        e la notte ci ha puntato il coltello alla gola

e a munt l'se gh' restou Diu
u Diu l' in e u s' gh' faetu u nu
        e a montare l'asino c' rimasto Dio
        il Diavolo in cielo e ci si fatto il nido

ne sciurtmmu da u m pe sciug e osse da u Dria
e a funtan-a di cumbi 'nta c de pria
        usciamo dal mare per asciugare le ossa dell'Andrea
        alla fontana dei colombi nella casa di pietra

E 'nt'a c de pria chi ghe sai
int' c du Dria che u nu l' main
        E nella casa di pietra chi ci sar
        nella casa dell'Andrea che non marinaio

gente de Lgan facce da mandill
qui che du luassu preferiscian l'
        gente di Lugano facce da tagliaborse
        quelli che della spigola preferiscono l'ala

figge de famiggia ud de bun
che ti peu ammile senza u gundun
        ragazze di famiglia, odore di buono
        che puoi guardarle senza preservativo

E a 'ste panse veue cose ghe dai
cose da beive, cose da mangi
        E a queste pance vuote cosa gli dar
        cose da bere, cose da mangiare

fritta de pigneu giancu de Purtufin
ervelle de bae 'nt'u meximu vin
        frittura di pesciolini, bianco di Portofino
        cervelli di agnello nello stesso vino

lasagne da fiddi ai quattru tucchi
pacigu in aegruduse de lvre de cuppi
        lasagne da tagliare ai quattro sughi
        pasticcio in agrodolce di lepre di tegole (gatto)

E 'nt'a barca du vin ghe naveghiemu 'nsc'i scheuggi
emigranti du re cu'i cioi 'nt'i euggi
        E nella barca del vino ci navigheremo sugli scogli
        emigranti della risata con i chiodi negli occhi

finch u matin cresci da puilu rechugge
fr di ganeuffeni e d figge
      finch il mattino crescer da poterlo raccogliere
      fratello dei garofani e delle ragazze

bacan d'a corda marsa d'aegua e de s
che a ne liga e a ne porta 'nte 'na creuza de m
      padrone della corda marcia d'acqua e di sale
      che ci lega e ci porta in una mulattiera di mare
 
 

VIA DEL CAMPO

Via del Campo c' una graziosa
gli occhi grandi color di foglia
tutta notte sta sulla soglia
vende a tutti la stessa rosa.

Via del Campo c' una bambina
con le labbra color rugiada
gli occhi grigi come la strada
nascon fiori dove cammina.

Via del Campo c' una puttana
gli occhi grandi color di foglia
se di amarla ti vien la voglia
basta prenderla per la mano

e ti sembra di andar lontano
lei ti guarda con un sorriso
non credevi che il paradiso
fosse solo l al primo piano.

Via del Campo ci va un illuso
a pregarla di maritare
a vederla salir le scale
fino a quando il balcone ha chiuso.

Ama e ridi se amor risponde
piangi forte se non ti sente
dai diamanti non nasce niente
dal letame nascono i fior
dai diamanti non nasce niente
dal letame nascono i fior.
 

 

DON RAFFA

Io mi chiamo Pasquale Cafiero
e son brigadiere del carcere oin
io mi chiamo Cafiero Pasquale
sto a Poggio Reale dal '53

e al centesimo catenaccio
alla sera mi sento uno straccio
per fortuna che al braccio speciale
c' un uomo geniale che parla co' me

Tutto il giorno con quattro infamoni
briganti, papponi, cornuti e lacch
tutte l'ore c 'sta fetenzia
che sputa minaccia e s' piglia c me

ma alla fine m'assetto papale
mi sbottono e mi leggo 'o giornale
mi consiglio con don Raffae'
mi spiega che penso e bevimm' caf

A che bell' caf
pure in carcere 'o sanno fa
co' ricetta ch' Ciccirinella
compagno di cella
ci ha dato mamm

Prima pagina venti notizie
ventuno ingiustizie e lo Stato che fa
si costerna, s'indigna, s'impegna
poi getta la spugna con gran dignit
mi scervello e mi asciugo la fronte
per fortuna c' chi mi risponde
a quell'uomo sceltissimo immenso
io chiedo consenso a don Raffa

Un galantuomo che tiene sei figli
ha chiesto una casa e ci danno consigli
mentre 'o assessore che Dio lo perdoni
'ndrento a 'e roullotte ci tiene i visoni
voi vi basta una mossa una voce
c'ha 'sto Cristo ci levano 'a croce
con rispetto s' fatto le tre
volite 'a spremuta o volite 'o caf

A che bell' caf
pure in carcere 'o sanno fa
co' ricetta ch' Ciccirinella
compagno di cella
ci ha dato mamm

A che bell' caf
pure in carcere 'o sanno fa
co' ricetta ch' Ciccirinella
compagno di cella
ci ha dato mamm

Qui ci st l'inflazione, la svalutazione
e la borsa ce l'ha chi ce l'ha
io non tengo compendio che chillo stipendio
e un ambo se sogno 'a pap
aggiungete mia figlia Innocenza
vuo' marito non tiene pazienza
non chiedo la grazia pe' me
vi faccio la barba o la fate da s

Voi tenete un cappotto cammello
che al maxi processo eravate 'o chi bello
un vestito gessato marrone
cos ci sembrato alla televisione
pe' 'ste nozze vi prego Eccellenza
mi prestasse pe' fare presenza
io gi tengo le scarpe e 'o gill
gradite 'o Campari o volite 'o caf

A che bell' caf
pure in carcere 'o sanno fa
co' ricetta ch' Ciccirinella
compagno di cella
ci ha dato mamm

A che bell' caf
pure in carcere 'o sanno fa
co' ricetta ch' Ciccirinella
compagno di cella
ci ha dato mamm

Qui non c' pi decoro le carceri d'oro
ma chi l'ha mi viste chiss
chiste so' fatiscienti pe' chisto i fetienti
se tengono l'immunit

don Raffa voi politicamente
io ve lo giuro sarebbe 'no santo
ma 'ca dinto voi state a pag
e fora chiss'atre se stanno a spass

A proposito tengo 'no frate
che da quindici anni sta disoccupato
chill'ha fatto quaranta concorsi
novanta domande e duecento ricorsi
voi che date conforto e lavoro
Eminenza vi bacio v'imploro
chillo duorme co' mamma e co' me
che crema d'Arabia ch' chisto caf

 

SIDUN
(Sidone)

U m nininu m
u m
lerfe grasse au su
d'am d'am

    Il mio bambino il mio
    il mio
    labbra grasse al sole
    di miele di miele

tm due benignu
de teu mua
spremmu 'nta maccaia
de st de st

    tumore dolce benigno
    di tua madre
    spremuto nell'afa umida
    dell'estate dell'estate

e oua grmmu de sangue ouge
e denti de laete
e i euggi di surdatti chen arragg
cu'a sccimma a a bucca cacciui de b

    e ora grumo di sangue orecchie
    e denti di latte
    e gli occhi dei soldati cani arrabbiati
    con la schiuma alla bocca cacciatori di agnelli

a scurr a gente cumme selvaggin-a
finch'u sangue sarvaegu nu gh' smurtau a qu
e doppu u feru in gua i feri d' prixn
e 'nte ferie a semensa velenusa d' depurtazin

    a inseguire la gente come selvaggina
    finch il sangue selvatico non gli ha spento la voglia
    e dopo il ferro in gola i ferri della prigione
    e nelle ferite il seme velenoso della deportazione

perch de nostru da a ciana a u me
nu peua ci cresce aerbu ni spica ni figge
ciao m 'nin l'eredit
l' ascusa

    perch di nostro dalla pianura al modo
    non possa pi crescere albero n spiga n figlio
    ciao bambino mio l'eredit
    nascosta

'nte sta itt
ch'a brxa ch'a brxa
inta seia che chin-a
e in stu gran ciaeu de feugu
pe a teu morte piccin-a

    in questa citt
    che brucia che brucia
    nella sera che scende
    e in questa grande luce di fuoco
    per la tua piccola morte

 

MONTI DI MOLA

In li Monti di Mola
la manzana
un'aina musteddina era pascendi

    Sui Monti di Mola
    la mattina presto
    un'asina dal mantello chiaro stava pascolando

in li Monti di Mola
la manzana
un cioano vantarricciu e moru
era sfraschendi

    sui Monti di Mola
    la mattina presto
    un giovane bruno e aitante
    stava tagliando rami

e l'occhi s'intuppesini cilchendi ea ea ea ea
e l'ea sguttesida li muccichili c li bae ae ae

    e gli occhi si incontrarono mentre cercavano acqua
    e l'acqua sgocciol dai musi insieme alle bave

e l'occhi la burricca aia
di lu mare

    e l'asina aveva gli occhi
    color del mare

e a iddu da le tive escia
lu Maestrale

    e a lui dalle narici usciva
    il Maestrale

e idda si tunchi abbeddulata ea ea ea ea

    e lei ragliava incantata ea ea ea ea

iddu le rispundia linghitontu ae ae ae ae

    lui le rispondeva pronunciando male ae ae ae ae

- Oh bedda mea
l'aina luna
la bedda mea
capitale di lana

    Oh bella mia
    l'asina luna
    la bella mia
    cuscino di lana

oh bedda mea
bianca foltuna –

    O bella mia
    bianca fortuna-

- Oh beddu meu
l'occhi mi bruxi
lu beddu meu
carrasciale di baxi

    O bello mio
    mi bruci gli occhi
    il mio bello
    carnevale di baci

lu beddu meu
lu core mi cuxi -

    oh bello mio
    mi cuci il cuore –

Amori mannu
di prima 'olta
l'aba si suggi tuttu lu meli di chista multa

    Amore grande
    di prima volta
    l'ape ci succhia tutto il miele di questo mirto

Amori steddu
di tutte l'ore
di petralana lu battadolu
di chistu core

    amore bambino
    di tutte le ore
    di muschio il battacchio
    di questo cuore

Ma nudda si po' fa nudda
in Gaddura
che no lu nini a sapi
int'un'ora

    Ma nulla si pu fare nulla
    in Gallura
    che non lo vengono a sapere
    in un'ora

e 'nfattu una 'ecchia infrasconata fea ea ea ea
piagnendi e figgiulendi si dicia c li bae ae ae

    e sul posto una brutta vecchia nascosta tra le frasche
    piangendo e guardando diceva fra s con le bave alla bocca

-Beata idda
uai che bedd'omu
beata idda
cioanu e moru
beata idda

    Beata lei
    mamma mia che bell'uomo
    beata lei
    giovane e bruno
    beata lei

sola mi moru
beata idda
i ma l'ammentu
beata idda
pi d'una 'olta
beata idda
'ezzaia tolta –

    io muoio sola
    beata lei
    me lo ricordo bene
    beata lei
    pi d'una volta
    beata lei
    vecchiaia storta –

Amori mannu
di prima 'olta
l'aba si suggi tuttu lu meli di chista multa

    Amore grande
    di prima volta
    l'ape ci succhia tutto il miele di questo mirto

Amori steddu
di tutte l'ore di petralana lu battadolu
di chistu core

    amore bambino
    di tutte le ore di muschio il battacchio
    di questo cuore

E lu paese intreu s'agghindesi
pa' lu coiu
lu parracu mattessi intresi
in lu soiu

    Il paese intero si agghind
    per il matrimonio
    lo stesso parroco entr
    nel suo vestito

ma a cuiuassi no riscisini
l'aina e l'omu
ch da li documenti escisini
fratili in primu

    ma non riuscirono a sposarsi
    l'asina e l'uomo
    perch ai documenti risultarono
    cugini primi

e idda si tunchi abbeddulata ea ea ea ea
iddu le rispundia linghitontu ae ae ae ae.

    e lei ragliava incantata ea ea ea ea
    lui le rispondeva pronunciando male ae ae ae ae.
     

 

PARLANDO DEL NAUFRAGO DELLA LONDON VALOUR

I marinai foglie di coca digeriscono in coperta
il capitano ha un'amore al collo venuto apposta dall'Inghilterra
il pasticcere di via Roma sta scendendo le scale
ogni dozzina di gradini trova una mano da pestare
ha una frusta giocattolo sotto l'abito da t.

E la radio di bordo una sfera di cristallo
dice che il vento si far lupo il mare si far sciacallo
il paralitico tiene in tasca un uccellino blu cobalto
ride con gli occhi al circo Togni quando l'acrobata sbaglia il salto.

E le ancore hanno perduto la scommessa e gli artigli
i marinai uova di gabbiano piovono sugli scogli
il poeta metodista ha spine di rosa nelle zampe
per far pace con gli applausi per sentirsi pi distante
la sua stella s e oscurata da quando ha vinto la gara del sollevamento pesi.

E con uno schiocco di lingua parte il cavo dalla riva
ruba l'amore del capitano attorcigliandole la vita
il macellaio mani di seta si dato un nome da battaglia
tiene fasciate dentro il frigo nove mascelle antiguerriglia
ha un grembiule antiproiettile tra il giornale e il gil.

E il pasticciere e il poeta e il paralitico e la sua coperta
si ritrovarono sul molo con sorrisi da cruciverba
a sorseggiarsi il capitano che si sparava negli occhi
e il pomeriggio a dimenticarlo con le sue pipe e i suoi scacchi
e si fiutarono compatti nei sottintesi e nelle azioni
contro ogni sorta di naufragi o di altre rivoluzioni
e il macellaio mani di seta distribu le munizioni.

 

RIMINI

Teresa ha gli occhi secchi
guarda verso il mare
per lei figlia di pirati
penso che sia normale

Teresa parla poco
ha labbra screpolate
mi indica un amore perso
a Rimini d'estate.

Lei dice bruciato in piazza
dalla santa inquisizione
forse perduto a Cuba
nella rivoluzione
o nel porto di New York

nella caccia alle streghe
oppure in nessun posto
ma nessuno le crede.

Coro: Rimini, Rimini

E Colombo la chiama
dalla sua portantina
lei gli toglie le manette ai polsi
gli rimbocca le lenzuola

"Per un triste Re Cattolico - le dice -
ho inventato un regno
e lui lo ha macellato
su di una croce di legno.

E due errori ho commesso
due errori di saggezza
abortire l'America
e poi guardarla con dolcezza

ma voi che siete uomini
sotto il vento e le vele
non regalate terre promesse
a chi non le mantiene ".

Coro: Rimini, Rimini

Ora Teresa all'Harrys' Bar
guarda verso il mare
per lei figlia di droghieri
penso che sia normale

porta una lametta al collo
vecchia di cent'anni
di lei ho saputo poco
ma sembra non inganni.

"E un errore ho commesso - dice -
un errore di saggezza
abortire il figlio del bagnino
e poi guardarlo con dolcezza

ma voi che siete a Rimini
tra i gelati e le bandiere
non fate pi scommesse
sulla figlia del droghiere".

Coro: Rimini, Rimini
 

 

A DUMENEGA
(La domenica)

Nota: nella vecchia Genova le prostitute stavano in un quartiere apposito. Uno dei loro diritti era la passaggiata domenicale. Con i proventi delle case di tolleranza il comune era in grado di pagare i lavori portuali.

Quandu dumenega fan u gu
cappellin neuvu neuvu u vestiu
cu 'a madama a madama 'n testa
o belin che festa o belin che festa

    Quando alla domenica fanno il giro
    cappellino nuovo nuovo il vestito
    con la madama la madama in testa
    cazzo che festa cazzo che festa

a ttti apreuvu pruccessin
d'a Teresin-a du Teresn
ttti a mi figge du diu
che belin de lou che belin de lou

    e tutti dietro alla processione
    della Teresina del Teresone
    tutti a guardare le figlie del diavolo
    che cazzo di lavoro che cazzo di lavoro

e a stu luci de cheusce e de tettn
ghe fan u scitu anche i ci piccin
mama mama damme palanche
veuggiu an a casn veuggiu an a casn

    e a questo dondolare di cosce e di tette
    gli fanno il chiasso anche i pi piccoli
    mamma mamma dammi i soldi
    voglio andare a casino voglio andare a casino

e ci s'addentran inta citt
ci euggi e vuxi ghe dan der
ghe dixan quellu che nu pean d
de zeggia sabbu e de lned

    e pi si addentrano nella citt
    pi occhi e voci gli danno dietro
    gli dicono quello che non possono dire
    di gioved di sabato e di luned

a Ciamberlin sssa belin
Fuxe cheusce de sciaccanuxe
in Caignn musse de tersa man
e in Puntexellu ghe mustran l'xellu

    a Pianderlino succhia cazzi
    alla Foce cosce da schiaccianoci
    in Carignano fighe di terza mano
    e a Ponticello gli mostrano l'uccello

e u dirett du portu c'u ghe vedde l'ou
'nte quelle scciappe a reposu da a lou
pe nu f vedde ch'u l' cuntentu
ch'u meu-neuvu u gh' u finansiamentu

    e il direttore del porto che ci vede l'oro
    in quelle chiappe a riposo dal lavoro
    per non fare vedere che contento
    che il molo nuovo ha il finanziamento

u se cunfunde 'nta confsin
cun l'euggiu pin de indignasin
e u ghe cra u ghe cra der
bagasce si e ghe rest

    si confonde nella confusione
    con l'occhio pieno di indignazione
    e gli grida gli grida dietro
    bagasce siete e ci restate

e ti che ti ghe sbraggi apreuvu
mancu ci u nasu gh'aviei de neuvu
bruttu galsciu de 'n purt de Cristu
nu t' l'nicu ch'u se n' avvistu

    e tu che gli sbraiti appreso
    neanche pi il naso avete di nuovo
    brutto stronzo di un portatore di Cristo
    non sei l'unico che se ne accorto

che in mezzu a quelle create
che se guagnan u pan da ne
a gh' a gh' a gh' a gh'
a gh' anche teu mugg

    che in mezzo a quelle creature
    che si guadagnano il pane da nude
    c' c' c' c'
    c' anche tua moglie

a Ciamberlin sssa belin
Fuxe cheusce de sciaccanuxe
in Caignn musse de tersa man
e in Puntexellu ghe mustran l'xellu

    a Pianderlino succhia cazzi
    alla Foce cosce da schiaccianoci
    in Carignano fighe di terza mano
    e a Ponticello gli mostrano l'uccello

 

DA A ME RIVA
(Dalla mia riva)

D' m riva
sulu u teu mandillu ciau
d' m riva
'nta m vitta

   Dalla mia riva
   solo il tuo fazzoletto chiaro
   dalla mia riva
   nella mia vita

u teu fatturisu amu
'nta m vitta
ti me perduni u magn
ma te pensu cuntru su

   il tuo sorriso amaro
   nella mia vita
   mi perdonerai il magone
   ma ti penso contro sole

e u so ben t'ammii u m
'n p ci au largu du dul
e sun chi affacciu
a 'stu bule da main

   e so bene stai guardando il mare
   un po' pi al largo del dolore
   e son qui affacciato
   a questo baule da marinaio

e sun chi a mi
tri camixe de vellu
dui cuverte u mandurlin
e 'n cm de legnu du

   e son qui a guardare
   tre camicie di velluto
   due coperte e il mandolino
   e un calamaio di legno duro

e 'nte 'na beretta neigra
a teu fotu da fantinn-a
pe pui bax ancn Zena
'nsci teu bucca in naftalin-a

   e in una berretta nera
   la tua foto da ragazza
   per poter baciare ancora Genova
   sulla tua bocca in naftalina

 

 

ZIRICHILTAGGIA

Di chissu che babbu ci ha lactu la meddu palti ti sei presa
lu muntiggiu riu cu lu saru li cchi sulcini lu trau mannu
e m'hai laccatu monti mccju e zirichlti.

     Di quello che pap ci ha lasciato la parte migliore ti sei presa
     la collina rosa con il sughero le vacche sorcine e il toro grande
     e m'hai lasciato pietre, cisto e lucertole.

Ma tu ti sei tentu lu riu e la casa e tuttu chissu che v'era 'ndrentu
li piri butrro e l'oltu cultiato e dapi di sei mesi che mi n'era 'ndatu
para un campusantu bumbaldatu.

     Ma tu ti sei tenuto il ruscello e la casa e tutto quello che c'era dentro
     le pere butirre e l'orto coltivato e dopo sei mesi che me n'ero andato
     sembrava un cimitero bombardato.

Ti ni sei andatu a camp cun li signuri fnditi comand da to mudderi
e li soldi di babbu l'hai spesi tutti in cosi boni, midicini e giornali
che to fiddlu a cattr'anni aja j l'ucchjali.

     Te ne sei andato a vivere coi signori, facendoti comandare da tua moglie
     e i soldi di pap li hai spesi tutti in dolciumi, medicine e giornali
     che tuo figliolo a quattro anni aveva gi gli occhiali.

Ma me muddri campa da signora a me fiddlu cunnosci pi di milli paruli
la tja mugnedi di la manzna a la sera e li toi fiddli so brutti di tarra
e di lozzu e andarni a cuiussi a a calche zirccu.

     Mia moglie vive da signora e mio figlio conosce pi di mille parole
     la tua munge da mattina a sera e le tue figlie sono sporche di terra
     e di letame e andranno a spostarsi a qualche servo pastore.

Candu tu sei paltutu suldatu piagnii come unu stddu
e da li babbi di li toi amanti t'ha salvatu tu fratddu
e si lu curggiu che t' filmatu sempre chiddu
chill'mu a vidi in piazza ca l'ha pi tostu lu murro
e pa lu stantu ponimi la faccia in culu.

     E tu quando sei partito soldato piangevi come un bambinetto
     e dai padri delle tue avanti t'ha salvato tuo fratello
     e se il coraggio che ti rimasto sempre quello ce la vedremo in piazza
     chi ha la testa dura e nel frattempo mettimi la faccia in culo.