viadelcampo15

Fabrizio De Andr 76

1976  Fabrizio De Andrè (il pescatore) - Ricordi Orizzonte ORL 8064

1 – Il pescatore (Testo e Musica di Fabrizio De André)..................... 2'20"
2 - Bocca di rosa (Testo e Musica di Fabrizio De André)..................... 3'08"
3 - Le passanti [Les Passantes](1)
                 
(Testo italiano Fabrizio De André - Testo e Musica di Georges Brassens)
. 3'52"
4 - La canzone dell'amore perduto(2)(Testo e Musica di Fabrizio De André).... 3'22"
5 - La cattiva strada (Testo e Musica di Fabrizio De André e Francesco De Gregori).  . 4'36"
6 - Un giudice   (Testo di Fabrizio De André e Giuseppe Bentivoglio - Musica di Fabrizio De André e Nicola Piovani) . 2'57"
7 - Il testamento (Testo e Musica di Fabrizio De André)..................... 3'47"
8 - Verranno a chiederti del nostro amore (Testo di Fabrizio De André e Giuseppe Bentivoglio - Musica di Fabrizio De André e Nicola Piovani)            4'22"

E' l'unico CD in cui si possa sentire la versione originale de "Il pescatore", oltre che nelle "Opere complete" (in seguito troverete solo la versione arrangiata con la PFM)

1)   Tratta da una poesia di Antoine Paul
(2)   Musica tratta da "Concerto in Re maggiore per tromba, archi e continuo" – Adagio - di Georg Philipp Telemann 

1 - Dal 45 giri LATO A: Il pescatore LATO B: Marcia nuziale - 1970
2 - Dall'album VOLUME I - 1967
3 e 4 - Dall'album CANZONI - 1974
5 - Dall'album VOLUME VIII - 1975
6 - Dall'album NON AL DENARO NON ALL'AMORE NÉ AL CIELO - 1971
7 - Dall'album VOLUME III - 1969
8 - Dall'album STORIA DI UN IMPIEGATO - 1973

Edizioni:
1976 1a Edizione Distribuzione Ricordi serie Orizzonte ORL 8064 – sul dorso e sul retro della copertina è
         presente la dicitura Produttori Associati e anche la Label ne riporta il marchio (logo P.A. 180°) –
         sulla copertina in alto a sinistra il triangolo di cielo tipico della serie Orizzonte.
1983 2a Edizione Distribuzione Ricordi serie Orizzonte ORL 8064 – vengono eliminati il marchio Produttori Associati
         sul retro della copertina (in alto al centro) e il prezzo in basso a destra (l'originale costava 3.000 lire) –
         La label è di colore verde/bianco e riporta il marchio Ricordi – sulla copertina in alto a sinistra il triangolo di
         cielo tipico della serie Orizzonte.
1983 3a Edizione Distribuzione Ricordi serie Orizzonte ORL 8064 – copertina identica alla 2a Edizione –
         La label è di colore viola, tipica della serie Ricordi Orizzonti, senza la la scritta "Dischi Ricordi s.p.a." .
1976 1a Edizione Produttori associati PROD. ASS. ORK 78064 Stereosette – sull'etichetta riporta il codice
         PA ORK 78064 con data 15.12.76.
1976 2a Edizione Produttori associati PROD. ASS. ORK 78064 Stereosette – sull'etichetta riporta lo stesso
         codice della copertina (ORK 78064).
1976 Produttori associati PROD. ASS.  ORS 88064 cartuccia stereo 8 – data 31.12.76
1983 4a Edizione Distribuzione Ricordi Orizzonte  ORL 8064 – copertina con una nuova veste grafica
         (Fabrizio ritratto durante un concerto) – Label viola senza la scritta "Dischi Ricordi s.p.a.".
1983 5a Edizione Distribuzione Ricordi Orizzonte  ORL 8064 – copertina identica alla 4a Edizione– Label viola con
         la scritta "Dischi Ricordi s.p.a.".
1991 Ricordi Orizzonte CDOR8064
1995 BMG-Ricordi CDMRL 6488
1995 BMG-Ricordi musicassetta RIK 76488
2002 BMG-Ricordi 74321974222 24 bit remastering

            

ORL8064_PA_FDA76_fb_a2
ORL8064_PA_FDA76_fb_b2

 

Cover Produttori Associati
Grazie a Fabio Bianchi - click per ingrandire)

Cover Produttori Associati
Grazie a Fabio Bianchi - click per ingrandire)

1976FDA70_2

(clicca x ingrandire)

1976fdab2

(clicca x ingrandire)

fda_lucio_racca2
fda_lucio_raccb2

clicca x ingrandire
copertine grazie a Lucio

(clicca x ingrandire)

Nel panorama della musica leggera italiana, De André è l'unico cantante verso il quale il rispetto nasce naturale anche da quelle frange che vedono nel pop le loro uniche possibilità espressive.

Chi segue De André da una decina d'anni, può solo dire che è l'interprete più fedele di un modo pulito e fresco di fare musica. Non per questo portando bende sugli occhi o mistificando la realtà, tutt'altro, se è vero che di De André anche i critici sottolineano il graffio dell'ironia, pur inferto col sorriso sulle labbra, e la condanna del compromesso eletto a sistema nella vita e nei rapporti interpersonali. Magari cantando l'amore, il cantautore genovese stigmatizza la brutalità delle leggi che regolano la società moderna, attraverso codici magari non scritti ma ugualmente validi nella vita di ogni giorno.

Fabrizio De André, è uno dei pochi, pochissimi autori e cantanti di rilievo espressi dall'avaro mondo della musica leggera italiana degli ultimi anni. Una canzone "controcorrente", una canzone "per adulti o per diventare adulti", una canzone "alla rovescia", nel senso che vi si esprimono le convinzioni più intime, le esortazioni per niente retoriche (qualcuno ha detto, esagerando un po' "l'ideologia") di "uno" che malgrado le apparenze, crede nell'uomo e nel suo futuro.

Come alti poeti (ieri Villon, oggi, Dylan e Brassens di cui è stato eccellente traduttore) De André ha esplorato tutte le pieghe della vita, anche le più scabrose; come tanti poeti, il cantante-autore genovese si è scagliato e si scaglia contro l'ipocrisia, contro la malafede, contro l'odio fatto sistema di vita, contro la pigrizia di chi non vuol vedere oltre la punta del proprio naso.

Il merito di De André, al pari di ogni artista vero, è proprio questo: farci cogliere le sgradevoli verità della vita che non abbiamo la forza ed il coraggio di affrontare da soli. In questo senso abbiamo parlato di "canzoni da leggere alla rovescia"; in questo senso si può dire che ogni album del cantante è il capitolo di una realtà sconcertante, la nostra, dove rigo per rigo, ciascuno di noi può ritrovare parte di se stesso.

La voce di De André è libera, amara ed ironica, una voce che non esita a descrivere il mondo così com'è, sconvolto da grandi tragedie e piccoli drammi quotidiani che i versi delle canzoni cercano di alleviare con umorismo a volte beffardo. Il rischio di De André è insomma quello di avere troppo successo proprio per aver evitato a lungo il successo.