Parodi

COLLABORAZIONE: AUTORE

1972 A FAMIGGIA DI LIPPE (P.Campodonico - F.De Andr)
         LA BALLATA TRISTE [A canson do balilla](V.E.Petrucci - F.De Andr)
Nell'album "Piero Parodi canta Zena" di Piero Parodi           IL FALO e poi JOKER SM 3439

Click x ingrandire
cover by Danilo

Click x ingrandire
cover by Danilo

Click x ingrandire
cover by Danilo

Click x ingrandire
cover by Danilo

1999 A FAMIGGIA DI LIPPE (P.Campodonico - F.De Andr)
         LA BALLATA TRISTE [A canson do balilla](V.E.Petrucci - F.De Andr)
Nell'album "Contime 'na Stoja" (raccontami una storia) di Piero Parodi

Click x ingrandire
cover by Danilo

Click x ingrandire
cover by Danilo

BALLATA TRISTE

(F. De Andr G. P Reverberi V. E. Petrucci)

 

ballata triste ballata amagon
pe 'na citte ch'a cianse sfortun
son ci de centottanta e fabbriche serrae
e ciminee asmorte i rastelli
sprangae
perch a speculasin a l'ha sempre rascion
perch a speculasin a l'ha sempre rascion
o porto o l' in maloa ma Romma a lascia and
e o privu o no l'investe o veu solo guagna
e in cianua o v a spende quello che a Zena rende
e in cianua o v a spende quello che a Zena rende
poi mostran che i tonnei crescian de longo a rubbi
ma o l' solo petrolio ch'o passa drento i tubbi
e o v distante in taera lasciandone 'na  gnera
e o v distante in taera lasciandone 'na gnera

ballata triste ballata amagon
pe 'na citte ch'a cianse sfortun
e e case de cemento ammugiae comme fen
in sci prof ridenti in ti ci belli cen
che e collinne se scrollan ma che i ommi no mollan
elle e collinne se scrollan ma che i ommi no mollan
e cartee: sparie                    i tescili: serrae
o meccanico: in taera           i cantieri: grattae
San Zorzo e Fossati ormai bengodi d'atri
San Zorzo e Fossati ormai bengodi d'atri
cosci a Pedernontanna coe curve mastrussae
e a GenovaSavonna un strasetto da bae
l'Aurelia 'na biscia che un po' d'aegoa a scompiscia
l'Aurelia 'na biscia che un po' d'aegoa a scompiscia

ballata triste ballata amagon
pe 'na citte ch'a cianse sfortun
ne posso di "che l'inse?" saiae solo doman
a tia sta pria rovente ch'a me bruxia in te mana
denunzia i trucchi de tanti neuvi crucchi
a denunzia i trucchi de tanti neuvi crucchi
se a tio Zena ti vegni ti te sollevi ancon
comme ai tempi di Doia peo teu Santo Patron
pe San Zorzo pe Zena o sentiemo sbraggi
pe San Zorzo pe Zena o sentiemo sbraggi
pe questo ancon mi canto pe questo arresto chi
a domanda meo sento vegnian sempre da Ti
aspeto seunne l'a e guai pe i atri alla
aspeto scunne l'a e guai pe i atri alla
ballata triste ballata amagon
pe 'na citte ch'a cianse sfortun

La "Ballata triste" (A canon do Balilla), facente parte della commedia musicale "T'ae presente o carrossezzo" (in grafia "riformata": "T'h prezente u carusezzu?", cio "Hai presente il carosello?"), stata scritta da uno dei massimi poeti genovesi
contemporanei, Vito Elio Petrucci, e musicata da Fabrizio de Andr; anch'essa stata cantata da Piero Parodi (Piern Parodi).

Dalla pagina:
http://www.zeneize.net/ziardua/parodi/ballata_triste.html
possibile ascoltarla.

A FAMIGGIA DI LIPPE
(E De Andr  G.P. Reverberi  P. Campodonico)

o poae ao cantiere da cappo o louva
cuxendo braghe anche a moae a guagnva
o primmo figgio co studdia da mgo
mentre o secondo pe m o f o cogu
comme a l' bella a famiggia di Lippe
 

gh' anche o nonno co traffega in cicche
l'unica sola ca non s'aggiustava
a l'ea Carlotta che ao spgio a s'ammiva
Sccioppa 'na crisi e o cantiere han serru
gh' un poae de famiggia co l' senza lu
sgobba ci tanto a mamm Giuseppina
braghe e giacch a fa tutto in cuxinna
comme a l' bella a famiggia di Lippe
 

o nonno o continua o commercio de cicche
l'unica sola ca non s'aggiustava
a l'ea Carlotta che ao spgio a s'ammiva
ai uggi da moae vegne 'na cataratta
oua ch'a l' neigra s' tutti in ta bratta
senza lascia i so studdi da mgo
o figgio ci grande o se treuva n'impiego
comme a l' bella a famiggia di Lippe

gh' n'incremento in ta cerca de cicche
solo Carlotta a vu sempre a gia
a se petena e ao spgio a s'ammia
stramun a flotta da Zena a Trieste
coxi anche o cogu o s'attreuva in te peste
lazz gh' 'na figgia che ci a no lascia
a s faeta ingrai sta brutta bagascia
comme a l' dua a vitta di Lippe

ancon da s che gh' o nonno coe cicche
oua Carlotta pari ch'a s'adesce
davanti e der tutto ghe cresce
ao figgio ci grande studdia e travaggia
ghe ven 'na tossa ch'a l' n'avvisaggia
pallida a fronte un pulmn in magagna
ciamn o mego o teo manda in montagna
coxi vn e cse in casa di Lippe

inventn o filtro non gh' ci de cicche
resta o sorriso da bella Carlotta
oua a consola chi soffre e chi lotta
a v a travaggi in te 'na casa de modda

pellicce e vesti gh' tutto de badda
in po ben missa sensa ese bigotta
a porta a c trentamilla pe votta
torna a fiori a salute dai Lippe

se mangia rai non ci broddo de trippe
se mangia bistecche con varie insalatte
non ci ci neigri con quattro pattatte
solo o nonnetto o l' triste e avvilio
perch faxendo o so solito gio
o l'ha ben visto che a nessa Carlotta
a fa a modella pe quelli da flotta
o l'ha ben visto che a nessa Carlotta
a fa a bagascia pe quelli da flotta

 

 

La famiglia dei Lippe - traduzione a cura di Angelo

Il padre nel cantiere di nuovo lavorava
cucendo pantaloni anche la madre guadagnava
il primo figlio che studia da medico
mentre il secondo fa il cuoco per mare (su un nave)

Com' bella la famiglia dei Lippe
c' anche il nonno che traffica con le cicche (delle sigarette)
l'unica che non si dava da fare
era la Carlotta che si ammirava allo specchio.

Scoppia una crisi e hanno chiuso il cantiere
c' un padre di famiglia che senza lavoro
sgobba di pi la mamma Giuseppina
pantaloni e giacche, fa tutto in cucina.

Com'e bella la famiglia dei Lippe
il nonno continua il commercio delle cicche
l'unica che non si dava da fare
era la Carlotta che si ammirava allo specchio.

Agli occhi della madre viene la cataratta,
ora si che nera... si tutti in difficolt (nel fango).
Senza lasciare i suoi studi da medico
il figlio pi grande si trova un impiego.

Com'e bella la famiglia dei Lippe
c' un incremento nella ricerca delle cicche
solo Carlotta vuole sempre girare
si pettina e si ammira nello specchio.

Spostano la flotta da Genova a Trieste
cos anche il cuoco si trova nei guai
lass c' una ragazza che non lo molla pi
si fatta inguaiare, questa brutta ba...lorda

Com'dura la vita dei Lippe
v gi bene che c' il nonno con le cicche
ora Carlotta pare che si svegli
davanti e dietro tutto le cresce

Al figlio pi grande, che studia e lavora,
gli viene una tosse che un avvertimento
pallido in fronte, un polmone in crisi
chiamano il medico, te lo manda in montagna

Cos van le cose nella casa dei Lippe,
invantano il filtro... non ci sono pi cicche,
resta il sorriso della bella Carlotta
ora a consolare chi soffre e chi lotta:

va a lavorare in una casa di moda
pellicce e vestiti... c'ha tutto gratis,
un po' ben messa, senz'essere bigotta
porta a casa trentamila per volta

Torna a fiorire la salute dei Lippe
si mangia ravioli, non pi brodo di trippa
si mangia bistecca con varie insalate
non pi cavoli neri con quattro patate

Solo il nonnetto sembra triste e avvilito
perch facendo il suo solito giro
ha ben visto che la nipote Carlotta
fa la "modella" per quelli della flotta

ha ben visto che la nipote Carlotta
fa pi soldi se in porta c' una flotta

Saluti

Angelo Fabbri


Ballata triste nella grafia "riformata"

Ne riporto il testo, sempre nella grafia "riformata" del sito (e anche qui vale l'appello per gli eventuali genovesi all'ascolto):

*

Ballata triste, ballata amagunaa
pe'na it ch'a cianze, sfurtynaa.

Sun ciy de 180 e fabbriche ser
e cimine azmorte, i rastelli sprang
perch a speculasiun a l'ha senpre raxun
perch a speculasiun a l'ha senpre raxun.

U portu u l' 'n mala ma Rumma a lscia and
e u privu u nu l'investe, u voe slu gugn
e 'n ciany^a u va spende quellu che Zna rende
e 'n ciany^a u va spende quellu che Zna rende.

Pi mstran che i tuni crscian de lungu rybbi
ma u l' slu petrolliu ch'u passa drentu ai tybbi
e u va distante in tra lascindune 'na gnra
e u va distante in tra lascindune 'na gnra.

Ballata triste, ballata amagunaa
pe'na it ch'a cianze, sfurtynaa.

E cze de ciymentu amygi cumme fen
inscii pruf ridenti e [...] d'i cen
che e culinn-e se scrllan ma che i ommi nu mllan
che e culinn-e se scrllan ma che i ommi nu mllan.

E carte spare, i tscili ser
u mecannicu in tra i cantieri grat
San Zorzu e Fossati ormi "Bengdi" d'tri
San Zorzu e Fossati ormi "Bengdi" d'tri.

Cusc a "pedemuntann-a" cu cyrve mastrys
e a Genova-Savunn-a in strazettu da b
l'Ourellia 'na bscia che 'n p d'gua a scunpscia
l'Ourellia 'na bscia che 'n p d'gua a scunpscia.

Ballata triste, ballata amagunaa
pe'na it ch'a cianze, sfurtynaa.

N possu d "Che l'inse?", sai slu, duman,
ti sta pra ruvente ch'a me bry^xa int'e man,
denunsi i trycchi de tanti noevi "crycchi"
denunsi i trycchi de tanti noevi "crycchi".

Se tu, Zna, ti vgni, ti te sulvi ancun,
cummi-ai tenpi d'i D'ia pe u toe santu patrun,
"Pe San Zorzu, pe Zna!" u sentimu zbragi!
"Pe San Zorzu, pe Zna!" u sentimu zbragi!

Pe questu ancun mi cantu, pe questu arstu ch
dumand, mo-u sentu, vegnian senpre da ti.
Asptu soenne l'a e gui pei-tri ala!
Asptu soenne l'a e gui pei-tri ala!

Ballata triste, ballata amagunaa
pe'na it ch'a cianze, sfurtynaa.


Salut,

Riccardo Venturi, CH-1700 Fribourg/Freiburg (Confoederatio Helvetica)
________________________________________________________
 

 

"A famiggia d'i Lippe"
 

Riporto il testo nella grafia "riformata" del sito, facendo appello a
qualche genovese che legga per una traduzione esatta (sebbene abbia
compreso in linea di massima cosa vi si dice, non mi azzardo a fare
una traduzione completa):


U pu ou cantiere da cappu o louva
cyxendu brghe anche a mu a guaagnva
u primmu figgiu ch'u styddia da mgu
mentre u segundu pe m u fa u coegu.

Cumm'a l' blla a famiggia d'i Lippe
gh' anche u nonnu ch'u traffega in cicche
l'ynnica sla ch'a nun s'agiystva
a l'a a Carlotta che u spgiu a s'amiva.

Sccioeppa 'na crisi e u cantiere han seru
gh' 'n pu de famiggia ch'u l' sensa lu
zgubba ciy tantu a mam Giuzepinn-a
brghe e giach, a fa tyttu in cuxinn-a.

Cumm'a l' blla a famiggia d'i Lippe
u nonnu u cuntinnua u cumerciu d'e cicche
l'ynnica sla ch'a nu s'agiystva
a l'a a Carlotta che u spgiu a s'amiva.

Ai oeggi d'a mu vgne 'na cataratta,
ua ch'a l' neigra... s' tytti 'nt'a bratta.
Sensa lasci i so styddii da mgu
u figgiu ciy grande u se troeva 'n inpigu.

Cumm'a l' blla a famiggia d'i Lippe
gh' 'n incrementu int'a erca d'e cicche
slu Carlotta voeu senpre a ga
a se ptena e u spgiu a s'ama.

Stramy^an a flotta da Zna Trieste
cusc anche u coegu.. eh... u s'atroeva int'e fste
laz gh' 'na figgia che ciy a nu-u lscia
a s' fta inguai, sta brytta ba...lurda.

Cumm'a l' dy^a a vitta d'i Lippe
ancun d'as che gh' u nonnu cu cicche
ua a Carlotta pari ch'a s'adsce
davanti e der tyttu ghe crsce.

u figgiu ciy grande, styddia e travaggia,
ghe ven 'na tussa ch'a l' 'n'avizaggia
pallida a frunte in pulmun in maggna
ciamman u mgu, to-u manda in muntgna...

Cusc va e cse in cza d'i Lippe
invntan u filtru.. nu gh' ciy de cicche,
rsta u surzu d'a blla Carlotta
ua u cunsla chi sfre e chi lotta:

a va travagi int'ina cza de modda
pelicce e vest... a gh'ha tyttu de badda
in p ben missa, sens'se bigotta
a porta ca' trentamilla pe votta.

Turna fiur a saly^te dai Lippe
se mangia raioe, nun ciy broddu de trippe
se mangia bistecca cun varrie insalatte
nun ciy ci neigri cun quattru patatte

Slu u nonettu u p triste e avilu
perch faxendu u soe sollitu gu
u l'ha ben vistu che a nessa Carlotta
a fa a "mudella" pe quelli d'a flotta,

u l'ha ben vistu che a nessa Carlotta
a fa ciy franchi se 'n portu gh' a flotta.


Salut,


R.Vent., CH-1700 Fribourg/Freiburg (Confoederatio Helvetica)